Hyundai ix20, in Italia a partire da 13.600 euro

Di , scritto il 26 Ottobre 2010

Compatta, esteticamente accattivante e ad un prezzo abbordabile. Stiamo parlando della nuova Hyundai ix20, la compatta coreana che arriva finalmente sul mercato italiano. Si tratta di una multispazio cittadina da 4,1 metri, che spicca tra le MPV del segmento B e si giocherà una bella fetta di mercato insieme alla Kia Venga, la Nissan Note, la Renault Grand Modus e la Honda Jazz, tanto per citarne alcune.

Interessanti gli interni, con l’inedita illuminazione blu e controlli multifunzione al volante, che è regolabile in altezza e profondità. Buona anche la personalizzazione della posizione dei sedili, che permette di trovare la giusta posizione di guida mantenendo alto il comfort.

La Hyundai ix20 sarà disponibile in Italia con quattro diverse motirizzazioni, tutte omologate Euro 5. Due propulsori saranno a benzia: un 1.4 da 90 cavalli ed un 1.6 da 125 cavalli. Gli altri due motori, invece, saranno dei diesel common rail da 1.4 CRDI, rispettivamente da 77 e 90 cavalli. A questi si possono abbinare due tipi di cambio, manuale a 5 o 6 rapporti, o automatico.
Su tuttu i modelli della Hyundai ix20, ad eccezione della 1.6 automatica, è disponibile la versione Blu Driver con la tecnologia Stop&Go e pneumatici a basso coefficiente d’attrito, che permette di abbassare consumi ed emissioni.

La Hyundai ix20 parte dai 13.500 euro per la versione 1.4 Light, mentre il top di gamma (ix20 1.4 CRDi 90 cv) costa 17.600 euro. La Casa Coreana offre anche un servizio d’assistenza con chilometraggio illimitato “5 anni di tripla fiducia” che da, per l’appunto, 5 anni di garanzia, check-up gratis e assistenza stradale. Non perdetevela in questo video:



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009