Arriva il nuovo Fiat Strada: pick-up per tutte le tasche

Di , scritto il 28 Gennaio 2012

E’ questione di giorni, e sarà in vendita il nuovo Fiat Strada: un pick-up di buon livello e di ottimo prezzo.

Fiat Strada è un veicolo commerciale che assolve molto bene alle sue funzioni, e in più per l’occasione ha anche rivisto il suo look: linee ovviamente più moderne e sinuose, parte frontale più aggressiva con un ampio paraurti, nuovi gruppi ottici. E’ disponibile in tre possibili configurazioni: la lunghezza di 4.41 metri può offrire un cassone lungo 1.68 metri e largo 1.3 metri per la versione con cabina corta, 1.33 metri per la versione con cabina lunga,  e infine 1.08 metri per il nuovo modello con cabina doppia, con 4 posti passeggeri. Tre anche gli allestimenti disponibili, che come al solito si differenziano per dotazioni e finiture: Working, Trekking, Adventure. L’abitacolo è confortevole e con una strumentazione all’avanguardia, mentre le funzionalità “da lavoro” includono l’utilizzo di materiale resistente, antigraffio e antiscivolo, i ganci per il fissaggio dei carichi, e una portata di carico complessiva che può raggiungere i 705 kg. L’unica motorizzazione disponibile è la 1.3 Multijet 16V Euro 5, da 95 CV di potenza e 200 Nm di coppia: i suoi consumi medi sono di 5,2 l/100 km, 138 g/km le emissioni di anidride carbonica, con delle prestazioni che consentono di raggiungere i 112 km/h di velocità massima e di accelerare da 0 a 100 km/h in 12.8 secondi.

La commercializzazione del nuovo Fiat Strada è prevista già entro la prossima settimana, e sarà proposta con un listino prezzi che varierà tra i 12900 e i 16000 euro: una fascia di prezzo decisamente conveniente per questa tipologia di vettura.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009