Comportamenti scorretti alla guida: cosa rischiano gli automobilisti indisciplinati?

Di , scritto il 28 Settembre 2016

multaGuidare con il braccio sul finestrino, usare il cellulare e suonare il clacson anche quando non serve costituiscono potenziali fonti di pericolo per la sicurezza stradale. Ecco cosa rischiano i trasgressori.

Adottare uno stile di guida prudente e coerente a quanto stabilito dal Codice della Strada consente non solo di tutelare la propria sicurezza e quella degli altri, ma anche di evitare pesanti sanzioni e multe previste per tutti i casi di violazione. Non solo l’alta velocità o la mancata precedenza possono causare problemi e incidenti, spesso i comportamenti scorretti alla guida più pericolosi possono essere proprio quelli involontari. Nella maggior parte dei casi si tratta di azioni apparentemente innocue ma che in realtà possono rivelarsi davvero molto pericolose.

Guidare tenendo un braccio fuori dal finestrino, usare il telefonino senza auricolare o rispondere ad un messaggio mentre si è alla guida, o ancora cercare qualcosa nel vano portaoggetti, sono tutte azioni apparentemente innocue ma altamente pericolose. Le statistiche sugli incidenti stradali dimostrano che la principale causa di incidenti stradali è proprio la disattenzione, spesso è sufficiente distogliere lo sguardo dalla strada anche solo per un attimo per provocare o rimanere coinvolti in un incidente.

Per fare chiarezza sulla questione e avere delle informazioni chiare ed affidabili sono stati interpellati gli esperti di assicurazione auto di SuperMoney, che forniranno anche delle indicazioni sull’ammontare delle sanzioni e multe previste per i casi più infrazione diffusi.

Comportamenti scorretti alla guida: quali sono i più diffusi tra gli automobilisti?
I comportamenti scorretti alla guida più diffusi tra gli automobilisti italiani, e spesso causa di incidenti stradali, sono essenzialmente tre: l’uso di “apparecchi radiofonici”; l’abitudine molto diffusa di guidare tenendo il braccio o anche il gomito fuori dal finestrino e infine l’uso improprio del clacson, spesso usato anche solo per salutare amici e conoscenti. Secondo gli ultimi dati sarebbero proprio queste le cause di multe e sanzioni.

Nel caso dell’uso di apparecchi telefonici quando si è alla guida le multe oscillano dai 161 a 646 euro e prevedono anche la decurtazione di ben 5 punti dalla propria patente di guida. L’articolo n. 173 del Codice della Strada a tal proposito è categorico e vieta categoricamente l’uso di questi dispositivi. Unica eccezione per gli auricolari, a patto che vangano usati su un solo orecchio; fanno eccezione tutti quelle persone con problemi di udito che potranno utilizzare entrambi gli auricolari.

Chi viene sorpreso alla guida con un braccio o il gomito fuori dal finestrino dovrà invece pagare una multa da 41 a 168€, oltre alla decurtazione di 1 punto dalla patente di guida. A tal proposito l’art. 141 del Codice della Strada dichiara che “il conducente deve mantenere sempre il controllo della propria vettura e avere la capacità di porre in essere tutte le manovre necessarie in condizione di guida”. Quindi non avere entrambe le mani sul volante può costituire una possibile fonte di pericolo, perché limita le reali possibilità di controllo e padronanza del mezzo.

Infine segnaliamo i numerosi casi di uso improprio del clacson. L’art. 156 del Codice della Strada stabilisce che l’uso del clacson – meglio definito dispositivo di segnalazione acustica – è finalizzato esclusivamente alla segnalazione di potenziali pericoli, che possono rappresentare una minaccia per la sicurezza degli atri automobilisti e pedoni. Per tutti coloro che violano questa norma e utilizzando impropriamente il clacson è prevista una multa da un minimo di 41 a 168 euro. Viene applicato un margine di tolleranza maggiore al di fuori dei centri abitati.

Tutti gli automobilisti multati a causa di questi comportamenti scorretti alla guida potranno avere uno sconto sull’importo della multa se procederanno al pagamento entro 5 giorni dalla contestazione, in questi casi è previsto uno sconto del 30%. Tutti coloro che verranno nuovamente multati per uno stile di guida scorretto e potenzialmente pericoloso a meno di due anni dalla prima sanzione, è prevista anche la sospensione della patente da un minimo di un anno fino ad massimo di tre.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009