Scooter elettrico: è il momento buono per acquistarne uno!

Di , scritto il 29 Ottobre 2020
Scooter elettrico

Stai pensando di acquistare uno scooter elettrico ma non sai se è il momento buono? Bene, noi ti daremo le informazioni necessarie per affrontare questa scelta e per poter approfittare dei vantaggi degli ecobonus su questo tipo di veicolo.

Oggi sul mercato ci sono ottimi modelli con un’autonomia che va dai 70 ai 100km a carica. Più o meno la metà di uno scooter con motore a benzina. Quindi per un tipo di uso quotidiano è più che sufficiente. Hanno stimato un costo di soli 12€ annui di ricarica!

L’autonomia dipende dal tipo di modello, ovvero se possiede o meno una o due batterie. Nel caso ne possedesse soltanto una l’autonomia non dovrebbe superare i 40 km a carica. Resta un quantitativo accettabile per gli spostamenti usuali da città, ma che sicuramente ci costringe a non dimenticarci di ricaricarlo ogni sera per averlo a nostra disposizione il giorno seguente. La cosa più pratica che caratterizza gli scooter elettrici è che non necessitano una postazione di ricarica come le auto, ma una semplice ricarica domestica.

Nella maggior parte dei casi gli scooter elettrici dispongono di una batteria rimovibile. Questo significa che, senza alcun problema, dopo ogni utilizzo possiamo sentirci liberi di parcheggiare ovunque, staccare la batteria e portarla con noi a casa o in ufficio e ricaricarla senza problemi. Durante le pause, che siano in città o in ufficio, nell’attesa che la nostra batteria si ricarichi possiamo sempre divertirci giocando a voglia di vincere casinò online. Il carica batterie del nostro scooter è abbastanza simile a quello di un portatile.

Quanto costa un “pieno” di uno scooter elettrico?

Per quanto i costi d’acquisto di uno scooter elettrico possano sembrare più alti di uno scooter a benzina, se si pensa a quanto si abbattono gli altri costi resta comunque molto più conveniente. Attualmente non si può fare lo stesso discorso con le auto in quanto il costo è ancora talmente inaccessibile da rendere inefficace l’abbattimento delle altre spese. Inutile dire che un “pieno” con l’elettrico ci costa massimo 3 euro, il bollo ci viene dimezzato per i primi 5 anni e l’assicurazione costa meno.

Anche i costi di manutenzione sono decisamente contenuti in quanto non ci sarebbe solo l’usura delle gomme, anche i freni non vengono molto utilizzati rispetto ad uno scooter a benzina. Per quanto riguarda gli incentivi statali il governo li ha confermati anche per quest’anno, per cui anche se si tratta di un articolo non certo di basso costo, se decidete di acquistarlo nuovo rottamando il vecchio euro 1-2-3, avreste diritto a uno sconto non inferiore al 30% del costo totale dello scooter, più o meno 3.000€.

Abbiamo provato a simulare un acquisto e grazie allo sconto di 3.000€ degli incentivi statali, uno scooter elettrico di marca italiana ci costerebbe all’incirca 3.500€. Potete provare a recarvi nella concessionaria più vicina e fare una simulazione di preventivo. Noi abbiamo provato l’Askoll è la consideriamo un’alternativa molto valida. Gli altri sono quasi tutti provenienti dall’Asia, che sull’elettrico sta davvero viaggiando veloce. Quello che consigliamo in questo momento è che se vi trovate di fronte a due marche di cui una italiana scegliete quest’ultima.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009