Nuova Audi A6 Avant: la station wagon dei sogni

Di , scritto il 05 Giugno 2018

Quando arriverà in Italia la nuova versione di Audi A6 Avant? Nei mesi autunnali e offrirà non solo bellezza, ma anche comfort, funzionalità e dinamicità straordinarie per questa categoria.

Del resto è da sempre l’auto preferita da businessman e dirigenti. Un’ammiraglia che si presenta come una station wagon e che ha la resistenza dei SUV, con il piacere di guida di un salotto, con abitacolo e bagagliaio davvero molto ampi.

I nuovi motori saranno potenti e dotati di tecnologia mild-hybrid: questo vuol dire che ai bassi regimi veleggiano (marciano per inerzia) a una velocità compresa tra i 55 e i 160 km/h, permettendo di risparmiare sul carburante ed evitando le emissioni nocive.

Per quanto concerne il look, la nuova SW di Audi si presenta slanciata e dinamica, sfiora i 5 metri di lunghezza, ma è bassa (meno di 1,5 metri) e l?assetto è particolarmente dinamico.

Cambio automatico e trazione integrale sono di serie. Ottime le dotazioni elettroniche per il comfort e la sicurezza, con sistemi di navigazione e infotainment completamente integrati in rete. Lo sterzo è di tipo integrale dinamico: questo significa che fino ai 60 km/h di velocità le ruote posteriori sterzano in senso contrario alle anteriori, fino a 5 gradi – garantendo un diametro di sterzata molto ridotto (11,1 metri), praticamente quello di un’auto compatta del segmento B.

Segnaliamo anche tra le dotazioni hi-tech la funzione “efficiency assistant”, che offre una valutazione anticipata di limiti di velocità, curve e rotatorie per regolare la velocità. La medesima funzione avvisa poi il guidatore quando sta intervenendo mediante un feedback tattile sul pedale dell’acceleratore.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009