Home » Autovelox, questo modello non lo vedi ma in un secondo ti frega: ecco il metodo per riconoscerlo

Autovelox, questo modello non lo vedi ma in un secondo ti frega: ecco il metodo per riconoscerlo

Attenzione a questo modello di autovelox invisibile e velocissimo ma per fortuna in un secondo puoi eluderlo: ecco il metodo che ti consentirà di prevenire parecchie contravvenzioni.

Gli autovelox sono l’incubo di moltissimi automobilisti soprattutto per le sanzioni oltremodo onerose e impattanti che ne derivano qualora si venga pizzicati oltre il limite. Ogni giorno sentiamo parlare di nuovi apparecchi installati sulle numerosissime strade e autostrade del Paese, ma questo ha davvero dell’incredibile.

Autovelox tradizionale – solomotori.it

In particolare, per l’appunto, è stato introdotto di recente un modello di autovelox invisibile per i guidatori che è in grado di rilevarne infrazioni e sgarri con altissima precisione e velocità. Una notizia pessima anche e soprattutto per il periodo che stiamo vivendo.

La crisi sta mettendo infatti a dura prova le famiglie italiane e non solo e occorre fare davvero parecchia attenzione per evitare di collezionare un mare di multe. L’incubo recente di chi guida ha un nome e si chiama Scout Speed, un infallibile sistema che può rappresentare a tutti gli effetti una svolta per il futuro.

Esso è un autovelox invisibile montato direttamente sulle vetture della Polizia Locale e non più a bordo strada: grazie a una telecamera che si muove e registra a 360° è in grado di rilevare movimenti e infrazioni di veicoli anche in senso opposto di marcia. Un metodo che non lascia scampo, nato dalla necessità di prevenire sinistri ed incidenti sempre più frequenti.

Autovelox invisibile: ecco se è davvero infallibile

Esiste per fortuna un dubbio per eludere le rilevazioni effettuate dall’autovelox invisibile Scout Speed e soprattutto le sanzioni che da esso derivano. Molti automobilisti si stanno infatti chiedendo se i reati contestati sono legittimamente causa di multe salatissime.

Scout Speed – solomotori.it

Infatti le sanzioni previste dall’apparecchio montato dalle macchie della Polizia Locale vanno dai 400 ai 3.000 euro: una legnata clamorosa, anche in relazione alla velocità di emissione e alla capacità di rilevare altre informazioni sul veicolo come assicurazione, bolli e revisioni. Una sorta di scanner completo della macchina che pare non lasciare scampo.

La speranza è però il poter contestare tali contravvenzioni perché emesse subito e notificate all’istante, senza oltretutto segnaletiche che indichino la presenza di apparecchi. Un tiro mancino dunque alle spalle di guidatori inermi che nn sanno nemmeno di essere analizzati in quel preciso istante e potrebbero davvero incappare in costi esorbitanti senza la possibilità alcuna di prevenire, se non quella di andare sempre con prudenza in auto e cercare di mantenersi entro i limiti.