Mazda CX-5, un crossover dallo stile inedito

Di , scritto il 21 Aprile 2011

E’ ormai evidente che il mercato dei SUV, e soprattutto la sfida per la creazione di una nuova linea di successo, interessa quasi tutte le case automobilistiche. Stavolta è il turno di Mazda, che in occasione del prossimo Salone di Francoforte mostrerà al pubblico la nuova CX-5.

Mazda CX-5 sarà un crossover della lunghezza di circa 4.5 metri, e incarnerà appieno il nuovo ideale stilistico della casa giapponese, denominato KODO, e presentato recentemente nella forma del prototipo “Minagi” (in figura). Esso si può definire come un “concept-design”, cioè un’idea di design proposta da Mazda ed estendibile a diversi modelli di autovettura. KODO esprime la bellezza del movimento, la coesistenza armoniosa tra stabilità e agilità, tra resistenza e prontezza: gli ideatori di questo stile hanno tratto spunto da immagini naturali e animali, trasponendo questi concetti nelle tecnologie utilizzate per il telaio e le meccaniche.

Oltre a questo, Mazda CX-5 avrà in dotazione le tecnologie SkyActiv, che prevedono una serie di soluzioni all’avanguardia per quanto riguarda motori, cambio, e telaio. Infatti, è previsto l’utilizzo di particolari propulsori SkyActiv-G, benzina o diesel, del cambio automatico SkyActiv-Drive, di telai costruiti con materiali più leggeri e allo stesso tempo più sicuri: innovazioni che contribuiranno a ridurre drasticamente consumi ed emissioni di anidride carbonica, fino al 30%. La vettura è stata ufficialmente annunciata, e per la commercializzazione bisognerà attendere i primi mesi del prossimo anno.


2 commenti su “Mazda CX-5, un crossover dallo stile inedito”
  1. automobile.it ha detto:

    Il mercato è saturo di SUV, ma le strade italiane non sono così larghe!!!


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009