Mini Restyling: la fashion car si rifà il look

Di , scritto il 30 Giugno 2010

A partire dal prossimo 18 settembre, Mini aggiornerà il design delle proprie vettura e porterà sul mercato anche nuovi motori diesel che arriveranno anche per la Mini Cabrio. Il tutto, unitamente all’arrivo di una serie di equipaggiamenti inediti.

Il restyling porterà una ventata di freschezza per la Mini, Mini Clubman e Mini Cabrio che sfrutteranno la tecnologia Minimalism per ridurre il consumo di carburante e, di conseguenza, anche le emissioni. I nuovi propulsori saranno tutti sotto la normativa Euro 5: la Mini One D avrà un propulsore da 90 cavalli, mentre la Mini Cooper D ne avrà uno da 112 cavalli. Questa sarà la versione più potente e permetterà alla rinnovata Cooper D di raggiungere i 197 km/h.

Le modifiche coinvolgeranno anche il design delle vetture. Le prese d’aria saranno più grandi all’anteriore, specie per quanto riguarda la Cooper S, che monta anche nuovi condotti per il raffredamento. Al posteriore troveremo luci LED per freni e segnalatore di retromarcia, mentre le luci anteriori hanno una nuova conformazione pensata per aumentare la sicurezza dei pedoni.

Per la prima volta arriverrà sulla Mini il sistema Adaptive Light Control che orienta i fari in base all’andamento delle curve, ma solo se si sceglie come optional i proiettori allo Xeno. Inoltre, fa il proprio debutto il nuovo Mini Connected, che grazie ad una specifica applicazione che è possibile scaricare in auto, è possibile caricare le pagine di Facebook e Twitter, di farle apparire sullo schermo di bordo e farle leggere ad alta voce dall’output. Vi è inoltre la possibilità di attivare la web radio, ricevere i feed RSS e attivare i servizi di ricerca di Google.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009