MV Agusta F3: una media con il piglio sportivo

Di , scritto il 08 Novembre 2011

MV Agusta si appresta a rivoluzionare il mercato delle moto di media cilindrata, con il lancio di una sportivissima F3 da 675cc di cilindrata.

Prima d’ora nessuna moto di categoria media aveva proposto un propulsore dalle prestazioni così avanzate, unitamente a un assetto e un design dichiaratamente sportivi. Tutta la potenza e la tecnologia della nuova MV Agusta F3 sono racchiuse in un telaio dalle dimensioni relativamente ridotte, realizzato con tubi in acciaio e piastre laterali in alluminio per ottimizzare il peso, il cui interasse misura solo 1380 mm, per un peso complessivo di 173 kg. Ma sta nella motorizzazione la vera novità: un 3 cilindri da 675cc con albero controrotante, una soluzione tecnologica di solito adottata in moto di categoria più elevata, che contribuisce a migliorare l’equilibrio dinamico e la maneggevolezza, e che dunque ben si sposa con le dimensioni più ridotte. E’ un motore in grado di erogare fino a 128 CV di potenza, con 71 Nm di coppia, e che consente di raggiungere anche i 260 km/h su pista. Completano il quadro le dotazioni elettroniche all’avanguardia, tra cui la gestione Full Ride by Wire del motore che fornisce 4 mappature della centralina, e la trazione dotata di 8 livelli di regolazione. Sono invece tra gli optional il launch control, il sensore di inclinazione, il sistema anti-wheeling.

MV Agusta è già di per sè garanzia di qualità ed affidabilità, ma con questo progetto inedito potrebbe riscuotere un successo maggiore del prevedibile: lo scopriremo a gennaio 2012, quando la F3 sarà in commercio, nelle tre possibili colorazioni bianco pastello, rosso/argento, e nero pastello/antracite metallizzato.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009