Home » Rottamazione auto, l’intera procedura può concludersi anche dopo sei mesi

Rottamazione auto, l’intera procedura può concludersi anche dopo sei mesi

Il MISE (Ministero dello Sviluppo Economico) ha dato il benestare per completare il processo di rottamazione oltre i sei mesi, e avvantaggiarsi dell’agevolazione sull’immatricolazione di un veicolo di nuovo acquisto.

Contestualmente, il Parlamento europeo si accinge a gestire la spinosa questione dell’aumento di CO2. in particolare come tentare di ridurre la sua presenza nell’atmosfera entro il 2035. Indubbiamente, dovremo aspettarci corposi e convenienti incentivi statali per l’acquisto o l’utilizzo di veicoli ecologici o meno inquinanti.

Incentivi rottamazione auto 2022

Consegna dell’auto nuova e rottamazione del vecchio veicolo o motociclo

La normativa su cui fa perno quella attuale è in vigore, impone infatti che il mezzo sia rottamato entro sei mesi (180 giorni) da quando si è attivata la procedura d’incentivo, registrandola nel database. Questo in primis è stato deciso per evitare che qualche furbetto usufruisca del bonus per l’immatricolazione di auto non ancora in commercio.

La carenza di chip e semiconduttori ha però fatto allungare di mesi le consegne, quindi tale soglia è assolutamente inadeguata e insufficiente, nonché incompatibile con una simile procedura.

Il comma 1034 della legge 145/2018 darà al venditore 30 giorni dalla data di consegna del veicolo nuovo per iniziare il processo di rottamazione dell’eventuale veicolo da smaltire. Per i veicoli di categoria Le (moto, motocicli e simili), ci sono invece 15 giorni. Il sistema era però tarato con il presupposto che l’intera procedura dovesse terminare entro e non oltre 180 giorni.

Come spesso accade, però, capita che l’evolversi di determinate situazioni cambino i presupposti inziali e ci si accorga solo in corso d’opera che qualcosa non quadra. Quando si è venuti alla consapevolezza che le consegne delle auto sforano quasi sempre abbondantemente i sei mesi e arrivino addirittura all’anno, si è capito che il sistema non avrebbe funzionato così congegnato. Si è però fatto notare che non c’è una vera e propria normativa che obbliga l’acquirente a chiudere la procedura di rottamazione entro i sei mesi, basta rispettare i 30 giorni (o 15 nel caso di moto) dalla consegna del veicolo di nuovo acquisto.

Sul finire dello scorso anno, il decreto Infrastrutture (Dl 121/2021) ha garantito la possibilità di immatricolare il veicolo entro il 30 giugno 2022 i veicoli commerciali e le motociclette i cui contratti di acquisto erano stati inseriti nella dashboard di prenotazione dal 1° luglio al 31 dicembre 2021.

chip shortage
Le consegne delle auto nuove slittano oltre i sei mesi per la mancanza di chip.

La proroga non è invece valida per gli incentivi di quest’anno in corso, il che è un paradosso perché la situazione consegne del nuovo non è affatto migliorata, anzi persino peggiorata. Tra shortage di chip, crisi globale, mancanza di materie prime, guerra in Ucraina e sanzioni e blocchi commerciali, non è una situazione che pare destinata a risolversi a breve termine. Ecco quindi che appare più che sensata la richiesta delle associazioni di categoria di allungare il termine dei 180 giorni.