Home » “Ti ritrovi senza patente”: l’hai fatto ma non lo sai | Da oggi è vietatissimo

“Ti ritrovi senza patente”: l’hai fatto ma non lo sai | Da oggi è vietatissimo

Ci sono aspetti che è meglio conoscere nel momento in cui si guida. Ci sono anche gesti che gli automobilisti tendono ad identificare come “normali”, ma che in realtà, alla luce delle attuali normative, sono illeciti. E’ il caso che tratteremo oggi. Cosa è vietato in particolare?

Meglio per gli automobilisti mantenersi, come altre volte abbiamo ribadito, sempre aggiornati. Si eviterà di incorrere in sanzioni, dopo aver espletato un atteggiamento vietato dal Codice della Strada, alla luce delle attuali riforme. In particolare, con la sanzione posta in essere, si dovrà fare a meno della patente.

Un controllo presso un posto di blocco – sicurauto.it

Già, perché, nel momento in cui si è colti in flagrante, subentra il ritiro per un anno intero. E il bello è che si tratta di un’azione che la stragrande maggioranza avranno compiuto, fino a questo momento, ma senza sapere che, allo stato attuale, è vietatissimo. Non che prima non lo fosse, ma ora bisogna fare i conti con la sanzione citata più una multa salatissima.

Sebbene sia concezione comune che il superamento del limite di velocità costituisca infrazione, molti tendono a dare per scontato un atteggiamento di contenimento, e assumono i cartelli di limite di velocità, in un senso relativo. Vi è una faciloneria, da parte del guidatore, a considerare la segnaletica, in determinati casi. Determinati casi che però possono costare caro.

Si dovrebbe prestare attenzione, sempre, ma specie in quei casi in cui la segnaletica impone un cambio piuttosto repentino in termini d’andatura. Anche se il conducente è riluttante, molte volte, dovrà adeguarsi. Come nel caso delle strade extraurbane secondarie. In queste ultime si passa molto spesso dal limite di 70, a quello di 50 Km/h. E’ proprio in corrispondenza di quei punti che si possono trovare autovelox o una pattuglia di agenti della stradale.

Il meccanismo delle sanzioni

Una segnalazione di limite di velocità su strada. Da non dare come scontata ed osservarla – mycoyote.net

Lo stesso dicasi per altri cambiamenti repentini in autostrada, o lungo altre vie, i quali cambiamenti non sono mai inseriti a caso, e sono posti anzi a salvaguardia di tutti. Detto ciò, l’art. 142 del Codice della Strada, definisce generalmente i limiti da seguire per le varie tipologie di articolazioni stradali. Vi sono poi dei casi in cui, l’autonomia decisionale degli enti, può arrivare a concedere dei limiti superiori (ma ci dev’essere apposita segnaletica).

Con il superamento, rispetto al limite imposto, di 10 km/h aggiuntivi, il Codice prevede una sanzione di 173 euro. Se la velocità viene incrementata invece di più di 10 Km/h e fino a 40 km/h, la sanzione giunge finanche alla soglia di 690 euro. Andando avanti, con un’infrazione fra i 40 e i 60 Km/h in più, la sanzione sale a 2.170 euro, con la possibilità del ritiro patente per tre mesi. Infine, ed è il caso contemplato all’inizio, col superamento di 60 Km/h in più (attenzione), rispetto al limite consentito, si arriva ad una sanzione di 3.382 euro, con il ritiro patente per un anno.